Acqua e Benessere

Una recente pubblicazione dell’università di Londra sostiene che nei paesi con clima rigido è opportuno bere 1-2 litri di acqua al giorno ( 6-8 bicchieri ) mentre in paesi dove il clima è più caldo come l’Italia occorre bere dai 2-3 litri al giorno quindi 8-10 bicchieri. Non dobbiamo mai lasciare che il nostro organismo sia disidratato, condizione che avviene quando il corpo perde più acqua rispetto a quella che ne reintegra; questa condizione si manifesta con stanchezza, mal di testa, bocca secca. Che benefici ci porta bere una giusta quantità di acqua? L’acqua aiuta a purificare l’organismo dalle tossine, a perdere peso e a digerire più facilmente. Alcuni autori sostengono che bere un bicchiere di acqua prima dei pasti aiuta a sentirsi più soddisfatti ed in modo più veloce inoltre contribuisce ad apportare meno calorie. Questa tesi è stata confermata anche da uno studio fatto dal dipartimento di nutrizione della Virginia che ha dimostrato come il consumo di acqua riduce considerevolmente l’assunzione di calorie negli adulti e negli anziani.

E’ possibile sostituire l’acqua con altre bevande? No!!!! Molte bevande contengono zuccheri, dolcificanti, coloranti, caffeina o additivi. L’acqua anche quella gasata non contiene calorie. Meglio sempre bere a piccoli sorsi; se abbiamo fatto sport non serve utilizzare integratori energetici o salini, ma è sufficiente bere acqua associando una dieta ricca di frutta e verdura che ci restituirà tutto quello che abbiamo perso e di cui abbiamo bisogno. Ci sono sette suggerimenti che ci possono aiutare:

1 Bere almeno 2 litri di acqua al giorno ( i bambini sono più soggetti a disidratazione rispetto agli adulti )

2 Bere frequentemente ed in piccole quantità, lentamente se l’acqua è fredda.

3 Le persone sopra ai 65 anni devono abituarsi a bere spesso nell’arco della giornata sia durante i pasti che fuori anche se non si avverte sete.

4 L’equilibrio idrico deve essere mantenuto soprattutto bevendo acqua. Qualsiasi altra bevanda va bevuta con moderazione.

5 E’ sbagliato evitare di bere per il timore di sudare eccessivamente ( la sudorazione è indispensabile per regolazione della temperatura corporea )

6 Durante e dopo attività fisica reintegrare tempestivamente ricorrendo prevalentemente ad acqua

7 Negli stati febbrili o in casi di diarrea l’acqua perduta va integrata adeguatamente e tempestivamente.

CHE ACQUA SCEGLIERE?

L’acqua è il mezzo attraverso il quale l’organismo elimina le scorie, ma è anche indispensabile perché funge da ammortizzatore nelle articolazioni e nei tessuti, mantiene elastica e compatta la pelle e garantisce la consistenza del contenuto intestinale. Modifiche anche lievi della quantità dei fluidi sono poco tollerate dal nostro organismo. L’acqua viene assunta attraverso i cibi e le reazioni di ossidazione di alcuni nutrienti, occorre bere con regolarità idealmente un millilitro per chilo caloria consumata. Ci sono diversi tipi di acque, a basso contenuto di sali o meno, povere o no di minerali, più o meno acide. Malgrado sia ritenuta un liquido insapore la sua composizione è in grado di influenzarne le caratteristiche organolettiche. Ad esempio quelle povere di minerali ( con un residuo fisso inferiore a 50 milligrammi per litro ) sono consigliate per preparare zuppe, risotti e tisane, ma un’acqua di questo tipo è decisamente indicata anche per i pazienti che soffrono di disturbi renali o di ipertensione, in associazione ad una dieta povera di sodio in modo da agevolare una adeguata diuresi.

CONSIGLI PRATICI

Imparare a riconoscere le acque dalle caratteristiche chimiche e fisiche guardando l’etichetta RESIDUO FISSO – PH – CONTENUTO di SODIO.